vai al contenuto della pagina vai al menu di navigazione
 

Report 19/05/2020

La riapertura del 18 maggio non convince. Trend negativo più per e imprese leisure che business.

Milano: solo barlumi di fiducia.

La riapertura del 18/05 non convince completamente le imprese. L’Indice di Attività Alberghiera di martedì 19 mostra aspettative di medio-lungo periodo stazionarie e di breve il leggero rialzo. La quota di hotel che propone camere on-line a breve rimane però appena sopra il 30%. Un risultato che deve fare riflettere sulle conseguenze economiche del virus, anche se forse in parte spiegato dalla maggiore propensione dei viaggiatori d’affari al contatto diretto con le strutture, in modo da raccogliere informazioni più precise sui protocolli di sicurezza adottati.

Venezia: Fiducia sulla ripresa del turismo leisure in continua caduta.

Prosegue e si rafforza il trend negativo dell’indice dell’Attività Alberghiera per Venezia, evidenziando il peso dell’incertezza legata alla mancanza di notizie certe su come verrà gestita la mobilità nel medio lungo periodo. Nemmeno la riapertura di bar e ristoranti del 18 maggio ha aiutato: mancano i turisti (soprattutto stranieri) e le aspettative a brevissimo termine (AB1_day) si avvicinano al 25%. Il trend a medio-lungo termine (AB56_days, AB140_days) è in costante discesa da metà aprile, ed ora sono solo il 60% gli alberghi che si propongono on-line per l’estate. Pesano anche i costi implicati dai nuovi protocolli di sicurezza: la frazione di alberghi che accettano prenotazioni per il mese di giugno è solo del 50%.

Guarda anche

Report 12/05/2020
Nella seconda settimana della Fase 2 segnali contrastanti per Milano, fortemente negativi per Venezia.
Report 06/05/2020
L’incertezza sulle modalità di apertura della Fase 2 influenzano negativamente le aspettative degli imprenditori turistici.
Report 28/04/2020
Il nuovo DPCM incide negativamente sulle aspettative del settore
Report 22/04/2020
Il trend guarda alle riaperture del 4 maggio
Report 15/04/2020
Trend in leggero rialzo ma attività ai minimi